Giorno della memoria 2024: il racconto dell’internamento nei diari di prigionia degli Imi il 26 gennaio 2024

Giorno della memoria 2024: il racconto dell’internamento nei diari di prigionia degli Imi il 26 gennaio 2024

Archivi della memoria: i diari degli IMI

 26 gennaio 2024
ore 16.00

 

Un’analisi tra letteratura e storia della cospicua memorialistica conservata nei diari degli internati militari italiani, accopagnata da letture di pagine da una selezione di diari conservati negli archivi degli istituti del Polo del ‘900, diari manoscritti e variamente pubblicati, diari di ufficiali e di soldati, diari scritti nel corso dell’internamento e diari rielaborati dopo il ritorno.

Interventi di Stefano Moscadelli (università di Siena) e di Anna Maria Sambuco (Anei).

Lettura dai diari a cura di Alessia Olivetti

Iniziativa organizzata da Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza e Istituto storico della Resistenza e dell’età contemporanea “Giorgio Agosti”  in collaborazione con Istituto di studi storici Gaetano Salvemini, Fondazione Istituto piemontese Antonio Gramsci e Anei

Sala Conferenze – Polo del ‘900
corso Valdocco 4/A Torino
Ingresso libero fino a esaurimento dei posti

 

>>>>>

 

>>>>>

 

 

Per il Giorno della memoria 2024

l’Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza

propone la proiezione di due film per le scuole

 

 

24 gennaio 2024 ore 10,30

 

1938 – DIVERSI
di Giorgio Treves
Durata: 62′, Italia 2018

Il documentario racconta le conseguenze delle leggi razziali per la comunità ebraica italiana. L’opera di Treves illustra i meccanismi di persuasione che furono messi in opera dal fascismo grazie all’efficace e pervasiva azione del Ministero della Cultura Popolare: articoli, vignette, fumetti e filmati contribuirono a trasformare, in pochi mesi, gli ebrei dapprima in “diversi” e poi in nemici della nazione. La voce di alcuni testimoni diretti, la ricostruzione animata di episodi di discriminazione e umiliazione e il contributo di importanti studiosi aiutano a comprendere il ruolo decisivo che i mezzi di comunicazione di massa ebbero in una delle vicende più tragiche dell’umanità e gli effetti che le leggi razziali ebbero sulla vita di tutti i giorni degli ebrei italiani.

Ingresso gratuito – prenotazione obbligatoria scrivendo a
ancr.didattica@gmail.com

 

 

 

25 gennaio 2024 ore 10,30

1945 
di Ferenc Török
Durata: 91′, Ungheria 2018

Il film è costruito bilanciando una suspense crescente e un lieve humour serpeggiante nella struttura narrativa. Mette in scena due ebrei che arrivano in uno sperduto villaggio ungherese nell’agosto del 1945  con lo scopo di ricordare sul posto i familiari perduti nella Shoah; il loro arrivo risveglia però la memoria rimossa degli abitanti del villaggio  che temono che i due siano tornati per rivendicare quanto agli ebrei è stato sottratto  negli anni del nazismo. Il tempo e le azioni scorrono ritmate con lentezza mentre la tensione sale fino a che tutti gli elementi si incontrano pronti ad esplodere. Ritratto articolato di una società che cerca di venire a patti con i recenti orrori della guerra, vissuti, perpetrati o semplicemente tollerati per il solo guadagno personale. 

Ingresso gratuito – prenotazione obbligatoria scrivendo a
ancr.didattica@gmail.com

 

 

Sala Conferenze – Polo del ‘900
corso Valdocco 4/A